STORIA

Nel falso atto di donazione dei beni dell’abbazia di Nonantola agli uomini di Batoni, datato all’802 ma redatto nel secolo XIII, uno dei confini è stabilito a capite Limestri

Il flumen de Limestri costituiva per lungo tratto il confine tra i comuni rurali di S. Marcello e di Gavinana alla metà del secolo XIII. L’alta vallata del Limestre rimase in gran parte disabitata fino a quando la società Metallurgica Italiana (SMI) costruì in questa zona un nuovo opificio, poi un villaggio operaio ed infine una chiesa.

Con decreto del vescovo Longo Dorni del 16 Febbraio 1957 fu istituita la nuova parrocchia di Limestre, alla quale fu assegnata la chiesa costruita dalla SMI, con il titolo di Madonna della Neve (SS. Maria ad Nives). Il territorio della nuova parrocchia fu scorporato da quello delle pievi di Gavinana e di San Marcello.


Cancelleria Vescovile (a cura di), Annuario 2000, Pistoia, 2000